giovedì 19 febbraio 2015

HUMMUS - RICETTA N° 172

Questa ricetta è molto in ritardo. Avrei dovuto pubblicarla prima che finisse l'anno scorso, ma come dice il proverbio, MEGLIO TARDI CHE MAI. Il 20 settembre sono andata a passare il weekend a Roma, a casa di mia sorella, e proprio nella serata di sabato sera, ho assistito all'inaugurazione del circolo culturale fondato da lei e dal suo socio. E come ogni inaugurazione che si rispetti, c'era un buffet infinito di cose da mangiare. Tra le tante cose
offerte, e tutte etichettate con il nome della pietanza, mi sono ritrovata di fronte all'hummus ; ne ho  preso 2 cucchiai, l'ho mangiato assoluto, così com'era, e da quel momento non ho pensato altro che a quello : HUMMUS HUMMUS HUMMUS. Non vi nascondo che era irresistibile. Oltretutto, sembrava non finisse mai. Quindi quando sono tornata a casa, pochi giorni dopo l'ho preparato. Ho chiesto alla mia amica Maurita, di darmi la sua ricetta già collaudata., e lei gentilmente me l'ha mandata tramite posta elettronica. Ed il risultato è stato lo stesso del precedente, ho fatto letteralmente un'abbuffata di Hummus .... e si per me questo sapore è proprio irresistibile. Io ho solo  aggiunto  2/3 passaggi che nella sua ricetta non ci sono. Per chi di voi non lo conoscesse, l'hummus è una crema/salsa a base di pasta di ceci, pasta di semi di sesamo (tahina), aromatizzata con olio di oliva, aglio, succo di limone e paprika, semi di cumino in polvere e prezzemolo tritato. Diffuso in tutti i paesi arabi, è diventato anche un classico della cucina israeliana. L'hummus è una ricetta fantastica davvero; è una di quelle salse che possono accompagnare polpette, pane (sopratutto pita), grissini, crostini, bastoncini di verdure come le carote, ma può anche diventare un'ottima base per finger food durante gli aperitivi per stupire i vostri ospiti, ed è quello che farò prossimamente per una cena stile orientale, che servirò ai miei amici. Sappiate che se volete realizzare questa crema, senza tahina, ossia la pasta di semi di sesamo, perché non riuscite a trovarla da nessuna parte, non otterrete la stessa cosa, ma mangerete un purè di ceci. La crema può essere preparata sia con i ceci freschi sia in scatola. Ma per apprezzarlo veramente vi consiglio di usare i ceci ammollati e cotti da voi. Vi consiglio inoltre, di togliere la buccia dei ceci, ve lo consiglio vivamente, perché la crema ne acquisterà in sapore e sarà più digeribile , per chi come me, ha difficoltà a digerire i legumi, magari fatevi aiutare da altre due mani, ma vedrete, il risultato finale vi ripagherà senz'altro. Spero che abbiate passato un buon San Valentino. Il mio è stato bel oltre le mie aspettative. Ci siamo divertiti tanto, siamo stati in un ristorante a Cappelle sul Tavo, dove c'era il karaoke con un'animatore davvero grandioso, insieme a mia cognata e il suo ragazzo e li abbiamo incontrato anche alcuni parenti che festeggiavano con una lunga tavolata di amici. Abbiamo colto l'occasione di uscire visto che è stata una settimana di lavori forzati. Ho rubato un paio di idee dal menù. Quindi prossimamente le vedrete sul blog. Per finire in bellezza, ho potuto vedere la proclamazione dei vincitori di San Remo poco prima di uscire dal locale. Contentissima che abbia vinto chi speravo che vincesse. Per oggi è tutto, vi auguro buona serata.


Dose : per 6 porzioni
Preparazione : 30 /40 minuti
Tempo totale : 40 minuti + l'ammollo e la cottura dei ceci

Ingredienti : 400 g di ceci già cotti, 2 cucchiai e mezzo di tahina, succo di mezzo limone, 1 spicchio d'aglio grande o 2 piccoli, 1 cucchiaio di semi di cumino, 1 bicchiere  di olio e.v.o. , sale e paprika dolce q.b., 1 rametto di prezzemolo.

PREPARAZIONE :

Per prima cosa dovete cuocere i ceci. Per informazioni dettagliate sulla preparazione, l'ammollo e la cottura, cliccate qui, troverete tutto ciò che dovete sapere sui ceci secchi. Una volta cotti i ceci, scolateli, conservate l'acqua di cottura. Fateli appena intiepidire, e con molta pazienza spellateli, togliendo loro la pellicina che li ricopre, in questo modo la consistenza dell'hummus sarà più omogenea.

Tostate ora in una padella ben calda i semi di cumino, a fuoco basso, per 3/4 minuti.

Ora mettete in una ciotola i ceci cotti sbucciati, la tahina, il succo del limone, l'aglio schiacciato con lo spremi-aglio, i semi di cumino, il prezzemolo, 4/5 cucchiai di acqua di cottura dei ceci,  2 cucchiai d'olio presi dalla dose totale e il sale. Frullate.


Versate il restante olio extra vergine d'oliva a filo, sempre frullando il composto, fino a che l'hummus non raggiungerà una consistenza fluida ed omogenea.

Io ho usato il frullatore ad immersione, ma potete utilizzare qualsiasi robot da cucina, il bimby e così via. Assaggiate e regolatevi, se nell'occasione bisogna aggiungere qualche altro cucchiaio di acqua di cottura o succo di limone. Aggiustate di sale se serve, e mettete ora a riposare la crema in frigorifero per almeno 1 ora prima di consumare. Se fatta riposare tutta la notte, sarà ancora più buona. Condire con un pochino di paprika dolce in superficie prima di servire.















Nessun commento:

Posta un commento

LASCIA UN TUO COMMENTO SE HAI PROVATO LA RICETTA, SE VUOI UN CHIARIMENTO PRIMA DELLA REALIZZAZIONE DEL PIATTO O SEMPLICEMENTE PER LASCIARE IL TUO SALUTO.