mercoledì 18 dicembre 2013

Torcinelli di Natale - ricetta n° 34

Questa ricetta mi ricorda mia nonna Anna. Quando arrivava Natale, cucinavo spesso insieme a lei i torcinelli, tipico dolce natalizio Abruzzese. I torcinelli sono dei dolci di pasta di pane impastati con patate lesse, semi di anice e uvetta, vengono fatti lievitare fino al raddoppiamento del volume, poi con le mani unte di olio si prelevano pezzetti di impasto si allungano leggermente attorcigliandoli e si friggono nell'olio caldo, e appenda sono dorati si scolano, si poggiano velocemente su carta assorbente e si tuffano in una mistura di zucchero semolato e cannella. Purtroppo non
ricordo la ricetta che facevo insieme a mia nonna, e per poterli realizzare ho usato la ricetta della nonna del mio compagno, nonna Antonietta. E così dopo diversi anni che non li cucinavo mi sono messa ai fornelli e ho cominciato a impastare, e con grande soddisfazione e meraviglia dopo averli assaggiati, una volta che li ho fritti, sorridevo compiaciuta dentro di me, perché il sapore era tale e quale al sapore che ricordavo dei torcinelli di mia nonna. Quindi non c'è ricetta più azzeccata di questa. So che molti non gradiscono l'uvetta, quindi se non vi piace, potete ometterla. Inoltre io ho fatto 2 impasti, ho preparato prima la biga eppoi dopo che ha lievitato l'ho aggiunto al secondo impasto. Le giornate scorrono velocemente, piene di impegni e di organizzazioni per le feste natalizie in famiglia, mi sto impegnando ad organizzare al meglio questo evento sia sul blog  con le ricette che vi propongo e sia in famiglia, quindi se riesco entro stasera, vorrei pubblicare l'ultima delle 3 ricette di dolci natalizi che ho fatto susseguire sul blog, dopo di che mi dedicherò a suggerirvi qualche antipasto, qualche primo e secondo per la sera della vigilia, il giorno di Natale e Santo Stefano. Bene per adesso è tutto, vi saluto e spero di riuscire nel mio intento, pubblicare la seconda ricetta di oggi. Un'anticipazione: il dolce che voglio proporvi più tardi è fantastico , e non solo vi accorgerete di quanto è semplice farlo e di quanto è buono, ma il successone è davvero assicurato con i vostri ospiti.


Dose: per 30/40 torcinelli
Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo totale di lievitazione: circa 2 ore (sempre in base alla temperatura all'interno della cucina).

Ingredienti: 3 patate medie già lessate, 1 kg di farina + 130 per fare la biga, 1 bicchiere di olio o 40 g di burro sciolto e 5o g di olio e.v.o., 1 cubetto di lievito di birra, 250 g di latte (1 bicchiere), semi di anice q.b., uvetta sultanina q.b., 3 uova, 3/4 cucchiai di zucchero + zucchero semolato q.b. dove immergere i torcinelli fritti, cannella in polvere q.b., 1 limone o 1 arancia spremuta.

PREPARAZIONE:

In un pentolino mettete a bollire 3 patate con la buccia, calcolando 30/40 minuti a partire dal bollore. Una volta cotte spellatele e schiacciatele ancora calde con l'apposito attrezzo. Mettete da parte a freddare.



Scaldate il latte insieme al burro in un pentolino a fuoco molto basso, appena il burro si è sciolto e il tutto si sarà intiepidito, dosatene metà bicchiere e lì scioglieteci quasi tutto il cubetto di lievito, lasciatene appena un po' da mettere nel secondo impasto. Aggiungete  i 130 g di farina, impastate e fate la biga che sarà il primo impasto, e con essa formate una palla di impasto ben liscia, mettetela a riposare fino al raddoppiamento del volume.




Dopo le ore di lievitazione della biga, su un piano di lavoro, mettete la farina e le patate schiacciate, fate un buco al centro e metteteci l'olio, il restante latte e il restante cubetto di lievito, le uova, lo zucchero, i semi di anice e l'arancia o il limone spremuto e cominciate ad impastare. Appena avrà raggiunto una consistenza morbida, aggiungete la biga che nel frattempo avrà raddoppiato il suo volume.


Prendete la biga e insieme all'uvetta aggiungetela al secondo impasto.



Mettete a lievitare il composto dentro una ciotola al caldo fino al raddoppiamento del volume.



Mettete a scaldare l'olio in una pentola e, per rendervi conto che è caldo prelevate un  pezzettino piccolo di impasto, se appena lo immergete, l'impasto frigge, allora l'olio è pronto. Ungetevi le mani, prelevate un pezzetto di impasto, attorcigliatelo allungandolo un po.


Immergetelo nell'olio caldo, e fate dorare da entrambi i lati per 3/4 minuti per parte.


Scolateli velocemente su carta assorbente.


Immergeteli nello zucchero semolato misto a cannella, fino a che siano ben ricoperti.


Ed ecco un particolare dei torcinelli di Natale.


1 commento:

  1. Ciao compaesana..anche mia madre era molto gelosa delle sue ricette,facevamo a gara con il ciambellone che a me veniva sempre piu'... scarso...del suo,ho scoperto (solo ora che ci ha lasciati)guardando nel suo contenitore degli ingredienti per dolci che c'era il cremore di tartaro...ora sto cercando di ricostruire le varie ricette e quindi ti ringrazio perchè questa mi mancava e mi sembra la piu' simile alla sua, ciao e auguri per il tuo blog P.S. La mia più apprezzata è la torta di riso..se può interessare...

    RispondiElimina

LASCIA UN TUO COMMENTO SE HAI PROVATO LA RICETTA, SE VUOI UN CHIARIMENTO PRIMA DELLA REALIZZAZIONE DEL PIATTO O SEMPLICEMENTE PER LASCIARE IL TUO SALUTO.